Pillola blu: Playoff ad Est, è battaglia per l’ultimo posto

Con la qualificazione matematica dei Brooklyn Nets e degli Orlando Magic, solo un posto per i playoff (in partenza sabato prossimo) rimane disponibile ad Est. Detroit Pistons, Charlotte Hornets e Miami Heat sono le squadre che si giocano tutto nelle ultime due partite di regular season e arrivano agli appuntamenti decisivi con possibilità e salute molto diverse.

Detroit Pistons (39-41)

Due gare da disputare per i ragazzi di coach Casey, sulla carta più che agevoli. New York Knicks e Memphis Grizzlies – squadre perdenti e impegnate ad accumulare sconfitte per incrementare le proprie chance di ottenere una scelta alta al draft –  non dovrebbero rappresentare ostacoli insormontabili per Blake Griffin e soci. Con due vittorie i Pistons sarebbero matematicamente ai playoff, quindi tutto è nelle loro mani. Quello che preoccupa è il loro momento di forma: solo 3 vittorie nelle ultime 10 partite, con sconfitte arrivate contro concorrenti morbide come i Cleveland Cavaliers o dirette avversarie come i Charlotte Hornets.

Ad aggiungere nuvole all’orizzonte dei tifosi Pistons le condizioni non perfette del ginocchio di Blake Griffin. Il #23 è costretto a convivere con un problema che potrebbe costringerlo all’operazione a fine stagione e che lo sta limitando nelle ultime uscite. In caso di record identico a fine stagione, i Pistons sarebbero alle spalle degli Hornets per le quattro sconfitte subite in stagione contro di loro.

Charlotte Hornets (38-42)

Gli Hornets sono ancora vivi. La vittoria di domenica sera per 104-91 alla Little Caesars Arena di Detroit ha portato la franchigia di Michael Jordan ad una sola partita di distanza dall’ottavo posto. La squadra del North Carolina è on fire al contrario dei Pistons, con 7 vittorie nelle ultime 10 uscite. Kemba Walker è il leader tecnico e carismatico della squadra, come ha dimostrato nell’ultima uscita. 31 punti, conditi da 8 rimbalzi e 7 assist, che cercano di rimandare in tutti i modi la fine della stagione di Charlotte.

Il #15 è anche al centro delle attenzioni di altre squadre. Il suo contratto, infatti, scadrà al termine della stagione e Kemba Walker diventerà uno dei free agent più appetibili sul mercato. Nonostante l’amore che Walker ha sempre dichiarato per la franchigia, l’ennesima delusione potrebbe spingerlo verso altri lidi, alla ricerca di una situazione più vincente.

Miami Heat (38-42)

Le speranze degli Heat rimangono appese ad un filo. Malgrado il record identico a quello degli Hornets, la franchigia della Florida non controlla pienamente il suo destino. Devono arrivare due vittorie in partite tutt’altro che semplici (Philadelphia 76ers e Brooklyn Nets), ma sono costretti a sperare in due sconfitte per i Pistons e una per gli Hornets. La squadra di Pat Riley, che si appresta a dare l’addio a Dwayne Wade, sono in svantaggio nel tie breaker con entrambe le avversarie. Un eventuale arrivo alla pari con una delle due li lascerebbe sul divano a guardare la postseason.

La celebrazione di una leggenda attraverso le parole del suo storico mentore

#OneLastDance è l’hashtag con cui la lega ha messo sotto i riflettori dei social l’ultima stagione da professionista di Wade. Il #3, tornato a Miami lo scorso anno dopo il burrascoso addio verso Chicago di due anni fa, vorrebbe rimandare ancora di qualche partita il suo ritiro. Un ultimo ballo che sembra però arrivato alle note conclusive.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...