Pillola blu: I Golden State Warriors hanno ristabilito le gerarchie

Demolizione. Questo è la sintesi della partita giocata nella notte italiana al Pepsi Center di Denver, dove i Golden State Warriors hanno annientato i Denver Nuggets per 142-111 e si sono ripresi la testa della Western Conference. Una partita iniziata in maniera assolutamente incredibile da parte di entrambe le squadre: un primo quarto chiuso sul 51-39, con i Warriors che hanno messo a referto 10 delle 21 triple fatte realizzare durante tutto il match (52% di squadra da 3 punti).

31 punti a testa per Klay Thompson (cinque triple) e Steph Curry (8/13 dalla linea dei 3 punti), salito in settimana al terzo posto all time per triple realizzate. 2.304 triple and counting, tutte rappresentate (ad eccezione di quelle di questa notte) in un grafico che sottolinea l’eccezionalità di un giocatore che ha cambiato per sempre il gioco.

I Warriors stanno salendo di colpi nelle ultime settimane, contemporaneamente alla ritrovata vena di Klay Thompson, parecchio in difficoltà in questo inizio di stagione. Il 18 gennaio dovrebbe fare il suo debutto anche DeMarcus Cousins, al rientro dopo l’infortunio al tendine di Achille che ne ha minato l’appetibilità sul mercato in estate e ha dato ai Warriors la possibilità di mettere in campo un quintetto composto da soli All-Star. La permanenza della Baia del lungo dovrebbe essere limitata a quest’anno per limiti contrattuali, visto che i Warriors non potranno offrirgli un contratto adeguato in estate.

Cousins non è l’unico che potrebbe andarsene dalla California in estate. Klay Thompson dovrà essere rinnovato e Kevin Durant potrà uscire ancora una volta dal suo contratto, per accasarsi in un’altra squadra qualora lo desiderasse. Le franchigie interessate e con spazio per un massimo salariale non mancano (dalle due di New York alle due di Los Angeles). Tutto dipenderà dalla sfida che KD deciderà di raccogliere.

Se questa stagione potrebbe essere l’ultima di un impero, però, i Warriors vogliono chiuderlo vincendo il terzo titolo consecutivo, il quarto negli ultimi cinque anni. La partita coi Nuggets è solo l’inizio.

 

 

Annunci

Un pensiero riguardo “Pillola blu: I Golden State Warriors hanno ristabilito le gerarchie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...